Luca Fioravanti Medico Estetico_Intervista di Elisa Bonandini Image ConsultingNella giungla di informazioni che viaggiano in rete sull’invecchiamento della pelle e inestetismi vari, io per avere una risposta veritiera mi sono rivolta una volta per tutte ad un professionista, che della pelle ne ha fatto il suo mestiere. Il Dottor Luca Fioravanti è un giovane e affermato medico estetico nutrizionista, laureato in medicina e chirurgia presso l’Università di Pavia e con due master di secondo livello, uno in medicina estetica e l’altro in nutrizione. Le domande che gli ho sottoposto sono quelle che mi sono sempre posta io, e quelle che spesso mi sento rivolgere dalle mie clienti. Ecco le sue risposte in esclusiva per voi!

 

Quali sono le prime 3 cause in ordine di importanza che accelerano l’invecchiamento della pelle?

Al primo posto l’alimentazione scorretta, in particolare un’errata distribuzione dei pasti nell’arco della giornata, un consumo ridotto di frutta e verdura, un eccesso di zuccheri nella dieta, una carenza di proteine rispetto al proprio fabbisogno nutrizionale e una scarsa presenza di omega 3. Al secondo posto una scarsa qualità del sonno, spesso legata alle abitudini di vita. Al terzo posto l’esposizione eccessiva ai raggi ultravioletti, che determinano un forte stress ossidativo.

Immagine

In % tra alimentazione/idratazione, sport e creme quanto incidono questi 3 parametri sullo stato di salute della pelle?



Alimentazione e idratazione, intesa come l’apporto idrico giornaliero, pesano per il 60% nello stato di salute della pelle, in quanto la produzione di elastina, collagene e acido ialuronico dipendono strettamente dall’assunzione di alcuni nutrienti essenziali. Inoltre, un apporto calorico eccessivo o una dieta ad alto indice glicemico accelerano l’invecchiamento di tutti i tessuti. Allo sport assegno un valore del 20% nella misura in cui rallenta l’invecchiamento dell’organismo in generale. Le creme incidono per il 20% soprattutto per quanto riguarda la protezione solare nei mesi estivi.

Da 1 a 5 quanto penetrano le creme o gli olii nella nostra pelle e quanto agiscono davvero?

La penetrazione dei principi attivi dipende dalle dimensioni delle molecole, dalla concentrazione e da alcuni meccanismi di veicolazione. Creme e olii penetrano minimamente nella pelle. Quello che conta è la concentrazione e soprattutto il tipo di principio attivo. Purtroppo nei cosmetici non è consentito utilizzare buona parte delle sostanze più efficaci. A questo proposito è nato negli Stati Uniti il concetto di cosmeceutico, ovvero di un cosmetico che contiene principi attivi farmacologici. In Italia i cosmeceutici esistono solo sotto forma di creme galeniche, ovvero prescritte dal medico mediante ricetta. I cosmeceutici sono sempre più efficaci dei cosmetici, con l’eccezione delle creme solari che è consigliabile acquistare in farmacia e di alcune maschere.

Immagine
Da 1 a 5 quanto i geni incidono sullo stato della propria pelle al di là della cura che ne abbiamo?

I geni incidono per un 50% circa. La cosa interessante è che non solo il DNA che si trova nel nucleo cellulare influisce sullo stato della pelle, ma anche quello contenuto nei mitocondri, piccoli organelli cellulari che producono energia nelle cellule. Il DNA mitocondriale è di esclusiva derivazione materna.

Immagine

Qual è secondo lei ad oggi la tecnica di medicina estetica più all’avanguardia e meno invasiva che ridona omogeneità e luminosità ad una pelle matura e quanto è duratura?

Esistono oggi molte tecnologie all’avanguardia per la cura della pelle. Il mio approccio a riguardo è di orientarmi sempre sui cosiddetti “gold standard”. Questo termine si riferisce a quella che viene ritenuta in un dato momento la miglior soluzione per trattare uno specifico inestetismo. Da notare che i “gold standard” cambiano nel tempo per cui è necessario un aggiornamento costante. Oggi i laser sono “gold standard” per una grande varietà di indicazioni, ma altre problematiche sono di pertinenza di radiofrequenza, ultrasuoni, etc. I trattamenti dell’invecchiamento cutaneo richiedono un periodico mantenimento perché è un processo che non si può fermare. Nella maggior parte dei casi una volta ogni due anni è un tempo ragionevole.

In % tra i suoi pazienti quante sono donne e quanti sono uomini? Qual è per le due categorie il servizio più richiesto?

Circa il 10% dei pazienti che giungono alla mia attenzione appartengono al sesso maschile. Per quanto riguarda il sesso femminile i trattamenti più richiesti sono quelli di ringiovanimento del viso. Nel caso dei pazienti di sesso maschile il trattamento più richiesto è la rimozione di lesioni cutanee benigne come angiomi, cheratosi, fibromi, etc.

Immagine4

Un consiglio spassionato che si sente di dare a tutti gli over 40 per mantenere la propria pelle nel miglior stato possibile.

Il mio consiglio è di investire una parte delle proprie energie nella cura dello stile di vita. Ne avranno un beneficio a lungo termine a livello estetico, ma soprattutto di salute.

www.lucafioravanti.it

 

Shares