Se ancora pensate che l’abito non faccia il monaco non andate avanti a leggere questo articolo. Se invece anche voi pensate che le percezioni siano più importanti della realtà, allora siete nel posto giusto, perché ciascuno di noi, volente o nolente, “si rappresenta” sulla scena della vita.

La nostra immagine si manifesta in due dimensioni: quella digitale e quella reale. Prima di conoscervi di persona è molto probabile che chi si rivolge a voi vi abbia preventivamente “scelto” sul vostro sito, o sui vostri profili Facebook, Instagram o LinkedIn. Provate a pensare in quanto tempo riuscite a farvi un’impressione molto precisa semplicemente scorrendo la bacheca social di una persona: pochissimi secondi. Riusciamo a “scartare” o scegliere le persone ad una velocità impressionante! Se vi chiedono un incontro dunque, avete già fatto una prima buona impressione…well done! Questo significa che avete “convinto” per la vostra immagine e per i vostri contenuti, e chi vi ha scelto si è riconosciuto nel vostro stile, o mira ad “assomigliarvi”.

Se le vostre foto profilo sono state scattate da un fotografo professionista, e se il vostro look è stato curato anch’esso da un professionista, o un team di professionisti, è molto probabile che stiate mettendo in scena la miglior versione di voi stessi. Da questo momento in poi, per chiunque vi incontri, l’aspettativa è alta, o quantomeno chi vi incontra si aspetta di riconoscervi e avere le stesse sensazioni positive che ha avuto guardando i vostri profili, i quali sono “costruiti” secondo un ideale che ognuno di noi ha, e che vuole manifestare.

Come si comunicano qualità e professionalità se il target a cui vorreste rivolgervi è un target alto? Qual è il linguaggio della qualità se parliamo di immagine personale? Come farsi percepire ad un livello più alto?

Ecco alcuni suggerimenti che vi possono aiutare se avete l’ambizione di migliorare il vostro aspetto e la vostra percezione, per migliorare di conseguenza anche il livello delle vostre relazioni e il vostro lavoro. Perché l’ambizione è sì il desiderio di affermarsi e distinguersi, ma è anche il desiderio di essere valutati secondo i propri meriti. La buona notizia è che crearsi un percepito di immagine alto non dipende dai marchi che si indossano (certo possono aiutare se c’è il budget!), ma da alcune caratteristiche dell’abbigliamento e del look.

 

I tessuti

Puntate sui tessuti. Le trame dei tessuti parlano, comunicano qualità, minuzia, “spessore” se sono visivamente belli e corposi (tweed, check, gessato, boucle, jaquard, pelle, camoscio). Più la trama del tessuto è lavorata e più date l’impressione di indossare qualcosa di qualità. Che sia una giacca, un pantalone o un cappotto, lasciate parlare almeno un tessuto nel vostro look e sceglietelo con queste caratteristiche. Se vi piacciono i tessuti stampati preferite le fantasie geometriche: è uno degli 8 trucchi di “Vestire low cost ma sembrare high fashion“, il mio articolo classificato al 3° posto come articolo più letto nel 2017 sul canale moda pratica di Donnamoderna.com!

 

I colori

Quelli riconosciuti come più eleganti sono i colori neutri (bianco, crema, beige, tortora, grigio, blu e nero), le versioni più scure dei colori brillanti (es. rosso = bordeaux, verde smeraldo = Verde pino scuro, azzurro = blu notte e così via), e i colori solidi. I colori neutri e quelli scuri sono percepiti come sobri, eleganti ed “autoritari”. Ogni incarnato, e colore di occhi e di capelli, ha delle tonalità che lo esaltano e ne migliorano la percezione dell’immagine nel suo insieme. A questo proposito vi consiglio di scoprire al più presto qual è la vostra palette di colori personale.

 

Gli accessori

Tutti, uomini e donne, facciamo uso quotidiano di molti accessori. La borsa, la cartella da lavoro, le scarpe, la cintura, l’orologio, i gioielli o i bijoux, i gemelli, la pochette da taschino, la cravatta, il porta biglietti da visita, il quaderno degli appunti, l’agenda, la penna. L’accessorio è quella cosa dove cade l’occhio, perché sono i dettagli che rivelano l’insieme e “raccontano” chi abbiamo davanti. Il primo suggerimento è fare attenzione alla quantità: troppi bijoux creano confusione e appesantiscono l’immagine. Se si parla di scarpe, borse, cartelle e in generale la pelletteria, più la pelle è “scura” e spazzolata o lucida, e più sono ritenuti eleganti, formali e di qualità. Per l’uomo cravatta, pochette, calze e orologio sono gli elementi di stile su cui puntare per comunicare qualità e personalità: meglio non risparmiare su questi accessori. Quaderno e penna: quando abbiamo un appuntamento sono indispensabili per annotarci quanto discusso. Anche lì cade l’occhio! Volete mettere l’eleganza intramontabile di un quaderno Moleskine e di una stilografica?

 

Make-up e grooming

Secondo uno studio del 2014 condotto dall’università di Princeton con l’American Psychological Association, le donne che indossano un make-up visibile e ben fatto, vengono percepite come più affidabili, competenti e attendibili di quelle che non lo indossano per niente, o è così poco da essere invisibile. Il make-up più sofisticato è quello che punta su un incarnato perfettamente omogeneo e luminoso, e occhi e labbra “a contrasto” grazie al mascara e ad un rossetto mediamente intenso. Per sapere quali colori vi donano di più in viso vi consiglio di regalarvi un’analisi cromatica seguita da una lezione di auto-maquillage, perché i colori che non si armonizzano con il vostro sottotono di pelle invecchiano, e il segreto di un make-up fatto a regola d’arte sono gli strumenti giusti.
L’uomo punterà su una pelle omogenea e luminosa grazie a pulizia del viso, scrub e idratazione costanti, e curerà maniacalmente peli superflui di naso, orecchie e barba, e geometria delle basette e del taglio di capelli. Vi sembrerà esagerato ma in questi casi anche un millimetro può fare la differenza.

 

Profumo

Non perdete l’occasione di comunicare il vostro stile anche attraverso il profumo che indossate. Non so a voi, ma a me piace sentire un filo di profumo del mio interlocutore o interlocutrice. E’ quel dettaglio in più che mi fa intuire che la persona che lo indossa tenga particolarmente alla cura di sé, e stia esprimendo la sua personalità e il suo stile. Per capire come sceglierlo vi consiglio di prendere spunto da questa intervista alle esperte di Mouillettes&Co.

 

Cercate ispirazione per un look sofisticato? Guardate le pubblicità di alta gioielleria e orologeria e capirete di cosa si parla! Oppure facciamo una sessione di stile e guardaroba, un’opinione imparziale e tecnica potrebbe essere quella che vi aiuta a fare quel salto di qualità che state cercando.

 

 

 

Shares