La definizione di stile che mi piace di più è quella del saggista francese Jean Cocteau, che disse “Lo stile è un modo semplice per dire cose complicate”. Quanto è complessa e sfaccettata la nostra personalità? Quanto il nostro stile e la nostra estetica la rispecchiano e interpretano? C’è chi, più che comunicare con la propria immagine, tende a volersi nascondere, chi non sa come crearsi uno stile riconoscibile, chi ne abusa, chi pensa non sia così importante, chi è alla perenne e complicata ricerca del proprio stile. Insomma non è una faccenda semplice questa.

Quante volte hai detto: “No questo non lo indosserei mai, non è proprio il mio stile!”. Paradossalmente sappiamo molto bene cosa non vogliamo, ma a volte ci risulta difficile scegliere quello che invece vogliamo, perché siamo bersagliati da ciò che propongono le riviste e i trend-setters. Ci ritroviamo a comprare cose che rimangono abbandonate nel guardaroba senza mai essere state indossate, e a pensare “Non capisco perché non l’ho mai indossato, mi piaceva così tanto in negozio quando l’ho provato!”. Ve la do io una plausibile risposta: perché quel colore non vi dona, oppure quello stile non è davvero il vostro, o ancora non avete pensato come abbinarlo quando d’impulso l’avete acquistato. Inconsciamente sono tutte cose che sappiamo, ma fino a che non le consapevolizziamo facendo un lavoro più approfondito e tecnico sulla nostra immagine, continueremo a sprecare denaro dietro a cose inutili, che non aggiungono nulla al nostro stile.

Io credo che una buona base per costruirsi uno stile, sia prima di tutto consapevolezza di quello che ci può stare davvero bene, obbiettivamente. Avere stile non è solo il talento innato di saper combinare outfit bellissimi (come il saper disegnare o avere orecchio per la musica), ma è anche capire fin dove ci si può spingere con quegli outfit, in base alla propria corporatura, età ed habitat sociale, con i colori, le forme, gli abbinamenti, il taglio di capelli, il make-up, e gli accessori. Consapevolizzare è il primo passo verso la conquista del proprio stile!

Tutto quello che indossiamo e con cui ci circondiamo ha un preciso stile, un linguaggio suo, che ci aiuta ad essere percepiti in un certo modo, ed è quel gusto a cui sentiamo di appartenere e in cui ci sentiamo a nostro agio. Più lo perseguiamo e raffiniamo, restandogli fedeli, e più saremo considerate “donne di stile”!

In questa carrellata di stili rappresentati da attrici che ne hanno fatto un proprio marchio di fabbrica, potresti riconoscerti oppure potresti volergli appartenere, perché un rossetto rosso, un taglio alla maschietto, un blazer o una decolleté a spillo sono per una donna quello che la virgola è per Nike, o il colore rosso è per la Coca Cola…fa brand!

Sappi che non è mai troppo tardi per iniziare a lavorarci seriamente, al tuo stile…

Gamine come Audrey

Significa “ragazzina” in francese, e si rifà allo stile da maschiaccio, ma in versione delicata e chic. L’icona vintage dello stile Gamine è Audrey Hepburn, le icone attuali a cui ispirarti invece, sono Audrey Tautou, Emma Watson, Michelle Williams. E’ uno stile che esprime delicatezza, freschezza e una semplicità ricercata e femminile. I suoi elementi caratteristici, su cui puntare per rafforzarlo, sono: il trench, il pantalone a sigaretta, il maglioncino girocollo e il dolcevita, le ballerine e i kitten heels, il top marinière d’estate e d’inverno, il vestito a trapezio, il foularino da legare al collo o al polso o in testa, gli occhi da cerbiatta evidenziati da mascara abbondante, il rossetto rosso e il pixie cut o il caschetto con la frangetta.

Classica sofisticata come Grace

Quello che non tramonta mai, di cui era maestra e icona incontrastata Grace Kelly. Le icone attuali dello stile sofisticato a cui ispirarti sono Gwyneth Paltrow, Cate Blanchett, Anne Hathaway. E’ uno stile che esprime raffinatezza, sobrietà e sicurezza di se. I suoi elementi caratteristici su cui puntare, per rafforzarlo, sono: i tessuti di altissima qualità, i colori neutri, le linee pulite e contemporanee, la camicia di seta o chiffon, il pantalone classico o a palazzo, le giacche, i capelli dolcemente ondulati o lisci in un taglio semplice medio o corto, un make-up leggero ma sempre presente e visibile.

Bohémien come Thalita

“Bohemien” erano considerati gli artisti di fine 800 che si ribellavano all’omologazione e ai codici della loro società, anche nell’abbigliamento e nel modo di accessoriarsi. L’icona vintage dello stile Bohémien (o boho chic) è stata Thalita Getty, attrice e modella di Yves Saint Laurent, moglie del magnate d’arte John Paul Getty Jr. Le icone attuali del boho chic style a cui ispirarti sono Sienna Miller, Nicole Richie, Drew Barrymore. E’ uno stile che esprime creatività, leggerezza, romanticismo, libertà di pensiero e d’animo. I suoi elementi caratteristici, su cui puntare per rafforzarlo, sono: le stampe dal sapore vintage, i colori caldi e i pastello, i cappelli a tesa larga d’estate e d’inverno, la gonna lunga raso terra, la jump-suit, i bangles di tutte le fogge, l’eco pelliccia, i capelli medio-lunghi con le “beach waves”, il make-up che punta sugli occhi, lasciando le labbra nude.

TomBoy come Marlene

E’ quello dall’estetica androgina, la cui icona vintage è stata la prima donna nella storia ad indossare il tuxedo, la mitica Marlene Dietrich. Le icone attuali del TomBoy style a cui ispirarti sono Tilda Swinton, Annie Lennox, Kirsten Stewart. E’ uno stile che esprime anticonformismo, mistero e ricercatezza. I suoi elementi caratteristici, su cui puntare per rafforzarlo, sono: Il tailleur maschile, le francesine stringate, il pantalone palazzo o al ginocchio, il jeans boyfriend, il blazer, la camicia bianca, un taglio di capelli corto, sbarazzino e spettinato, un make-up nude fatto a regola d’arte o al massimo uno smokey eye per la sera, un bell’orologio e un anello chevalier.

Femme fatale come Marilyn

Questo stile funziona particolarmente bene su fisici dalla forma a clessidra, con seno florido. L’icona vintage di questo stile, (l’icona delle icone!), è Marilyn Monroe. Le attrici dallo stile femme fatale a cui ispirarti sono Scarlett Johansson, Christina Hendricks, Eva Mendes. E’ uno stile che esprime grazia, femminilità ed estroversione. I suoi elementi caratteristici, su cui puntare per rafforzarlo, sono: lo chemisier stretto in vita, le decolleté scollate con tacco a spillo, la gonna tubino con vita alta oppure a campana con vita stretta, i top scollati a V, i capelli ondulati e vaporosi, di media lunghezza, il make-up che punta sugli occhi o sulle labbra, e lo smalto intenso.

Vuoi capire che stile hai, rinfrescarlo, o cambiarlo del tutto? Allora regalati una giornata con me dove scopriremo insieme quali colori ti donano, quali forme valorizzano il tuo corpo, che stile hai o quello a cui ti avvicini di più su cui lavorare, per consapevolizzare chi sei e non sprecare più tempo davanti all’armadio, ne soldi quando fai shopping!

 

 

 

 

Shares