Come avere delle sopracciglia perfette è un tema sempre sentito e molto delicato per noi donne vero? Mi fate tante domande in merito e si parla anche di dermopigmentazione. Per rispondervi correttamente una volta per tutte, ho intervistato una artista delle sopracciglia, Lina Montanari, in arte Lina Powder. Lina, oltre ad essere esperta di sopracciglia, lo è anche di make-up ed hairstyling.
Ve la ricordate nella conduzione del programma in onda su La5 “Lina’s Hair” nei suoi meravigliosi look vintage?

Lina il tuo nome d’arte “Lina Powder” mi piace moltissimo, da dove viene?

La scelta del mio nome d’arte è nata per gioco. Mi trovavo in trasferta con una cliente, una musicista, che ogni volta mi chiamava “Miss Powder”. La cosa mi faceva molto sorridere e fu lei, quando le dissi che avrei fatto un programma in TV Lina’s Hair, a suggerirmi di farmi chiamare così. Ho tolto il “miss” che mi sembrava un po’ troppo, e ho messo Lina! Sono un’amante dello stile pin- up e adoro le ballerine di burlesque, hanno dei nomi d’arte molto ironici e particolari…sono stata influenzata anche da questo.

Da 1 a 10 secondo te quando incidono delle belle sopracciglia in un viso?

100! Le sopracciglia sono la cornice dell’occhio, sono quell’elemento fondamentale che determina l’espressione. Possono comunicare uno stato d’animo errato conferendo al volto un’espressione arrabbiata, o costantemente meravigliata, oppure triste, se non sono della forma giusta. Sono loro che intensificano o meno lo sguardo! Vi assicuro che per quanto possiate truccarlo l’occhio, se non si hanno delle belle e corrette sopracciglia, non sarà  mai valorizzato abbastanza. Le sopracciglia sono state influenzate dalla moda per molti anni, e lo sono ancora, ma sempre di più  si va alla ricerca di un effetto naturale per non apparire artefatte. È importante che abbiano una forma corretta (ovviamente ogni viso necessita forme differenti), per spessore, altezza, colore, e che siano simmetriche e armoniose. Anche la colorazione è importante. La scelta solitamente viene fatta in base al fototipo, al colore naturale delle sopracciglia (se ci sono peli) e al colore dei capelli. Fortunatamente in commercio, esiste una gamma molto vasta di colori per ogni casa produttrice.

Cosa si intende per dermopigmentazione e in cosa consiste? E’ dolorosa?

Definiamo alcuni punti fondamentali di questa disciplina. Con i termini dermopigmentazione , trucco permanente e tatuaggio estetico correttivo si intende un trattamento simile al tatuaggio, fatto con speciali penne e micro-aghi che inseriscono sotto pelle minuscole particelle di colore. Si possono evidenziare i lineamenti o correggere piccole imperfezioni, si può  intervenire sulle sopracciglia, sulle labbra, sugli occhi. Il trattamento è indicato anche per mascherare macchie della pelle, alterazioni cutanee e cicatrici. I colori impiegati sono bio-riassorbibili, quindi il colore sbiadisce pian piano in un arco di tempo non definito, all’incirca 12/24 mesi. La dermopigmentazione non è per nulla dolorosa, anche se la questione dolore è molto soggettiva. Al massimo si sente un leggero fastidio. Parlando di sopracciglia lo scopo, con il trucco permanente, è di armonizzare, intensificare, e ricostruire l’arcata sopraccigliare.  Molte persone si depilano le sopracciglia in modo scorretto, e se questa operazione viene eseguita per molto tempo purtroppo i peli non ricrescono più. A volte invece madre natura non è stata molto generosa con alcune sopracciglia e i peli sono scarsi, crescono in punti che ne penalizzano la forma, oppure sono troppo chiari e non donano intensità allo sguardo.
O ancora alcune persone soffrono di patologie, come l’alopecia che determina la caduta parziale o totale delle sopracciglia, e infine alcune persone devono sottoporsi a chemioterapia, e in questo caso le sopracciglia cadute non ricrescono sempre come prima.
In tutti questi casi la dermopigmentazione è molto utile per ripristinare la giusta forma e intensità delle sopracciglia.
Negli ultimi anni c’è stata una notevole evoluzione nel settore. Ora si possono eseguire con i giusti strumenti e manualità sopracciglia molto realistiche, si può  tatuare ogni singolo pelo e il risultato è veritiero. Si possono anche creare effetti di sfumatura per dare tridimensionalità. Un tempo invece, l’unica tecnica, era la tecnica tribale, l’effetto finale somiglia ad un tratto di matita molto intenso, quasi un pennarello in alcuni casi! Si usa ancora questa tecnica ed alcune clienti la richiedono, se eseguita in modo corretto e con i colori giusti, può comunque dare buoni risultati.

Parli di “tecnica mista pelo + sfumatura”, che cos’è e che risultato si ottiene?

Come accennavo prima esistono diverse tecniche per le sopracciglia. Le 3 fondamentali sono: pelo a pelo, sfumatura, tribale.
Possono essere eseguite singolarmente, oppure si possono mixare tra loro. Dipende molto dai casi, dal gusto, e dalla richiesta della persona. Faccio degli esempi: se una persona ha già parecchi peli ma un po’ radi, posso eseguire una bella sfumatura; se ha pochi peli posso fare un pelo a pelo; se ha solo una parte con peli naturali e magari manca la coda, posso eseguire una tecnica mista facendo sia del pelo a pelo che una sfumatura, e perché no anche una parte di tribale sulla coda del sopracciglio. Ogni caso è a se.

E’ sufficiente una sessione o ce ne vogliono di più per completare il lavoro? Quanto tempo richiede una seduta?

Solitamente  per il trucco permanente occorrono 2 sedute. La prima è quella più  lunga e più importante. Si comincia con la consulenza e una foto del “prima” (e finito il trattamento una foto del “dopo”), si decidono colore e forma, si compila il consenso informato, e poi si esegue il tatuaggio. Il tutto richiede all’incirca 2/3 ore, dipende dal tipo di lavoro. La seconda seduta è il rinforzo, viene eseguito 40/50 giorni dopo per perfezionare e fissare il colore. La seduta del rinforzo ovviamente è più rapida rispetto alla prima. Dopodiché si può  godere del proprio trucco permanente per circa 12 mesi. Ogni pelle reagisce in un modo differente al colore. Ci sono pelli che lo trattengono bene e altre, come le pelli grasse e oleose, che tendono a respingerlo. In questo caso si esegue una terza seduta, sempre dopo 40/50 giorni, ma è raro.

Il tatuaggio alle sopracciglia lo possono fare tutti o ci sono delle controindicazioni? Lo fanno anche gli uomini?

Non ci sono controindicazioni per il tatuaggio alle sopracciglia. Nella fase di consulenza viene sempre richiesto la stato di salute della cliente, che ovviamente deve essere buono. Se la cliente soffre di alcune patologie, o allergie, se è in stato di gravidanza o allattamento, oppure sta facendo delle cure farmacologiche, è sempre meglio informare l’operatore e consultarsi con il proprio medico, per capire se e come procedere con il trattamento. Anche gli uomini richiedono la dermopigmentazione, e l’effetto finale con queste tecniche innovative è molto realistico.

Dal momento che la forma dell’arcata sopraccigliare si può completamente ridisegnare, ci spieghi su che elementi basi il restyling dell’arcata?

La scelta del disegno viene fatta in base alla forma del viso e i suoi volumi. Cerco di realizzare sopracciglia sempre molto naturali che non induriscano o appesantiscano lo sguardo. Per fare ciò mi attengo anche alle regole di visagismo. Ci sono dei punti ben precisi per sapere da dove inizia e dove finisce il sopracciglio. Il corpo del sopracciglio ad esempio, che è un tratto ascendente, deve sempre essere più lungo e spesso rispetto alla coda del sopracciglio, che è un tratto discendente e più sottile. La parte iniziale è sempre più  bassa rispetto alla parte finale. Il punto più  alto è chiamato apice del sopracciglio, e tendenzialmente  si trova a 3/4 della sua lunghezza totale.

Per chi sceglie il tatuaggio alle sopracciglia, puoi dare qualche consiglio perché il tatuaggio duri bene e più a lungo? Una volta fatto va poi rifatto nel tempo?

Suggerisco vivamente a chi ha una pelle grassa, pelle molto secca, o pelle reattiva e sensibile di eseguire trattamenti specifici, ad esempio una pulizia del viso, dalla propria estetista di fiducia, con un percorso di cura da seguire anche a casa (creme, detergenti, sieri…). È la pelle che decide quanto far permanere il colore e ci devono essere le condizioni ideali. Un PH equilibrato e una buona idratazione sono elementi fondamentali. La cura è da fare in previsione e prima del tatuaggio, e poi successivamente, dopo la guarigione. Evitare di esporsi al sole e di fare lampade solari senza protezione molto alta, minimo 50. Ricordiamoci che il viso è sempre la parte più  esposta del nostro corpo a luce solare, in primavera ed estate suggerisco di applicarla quotidianamente anche in città. Per un corretto mantenimento del trattamento suggerisco un ritocco annuale entro 12 mesi dall’ultima seduta, per godere ancora per molto delle vostre splendide sopracciglia!

Grazie Lina per averci spiegato così bene la tecnica del tatuaggio alle sopracciglia e per essere stata gradita ospite del mio blog!

Se volete contattare Lina per informazioni, seguite la sua pagina Facebook Lina Powder, o scrivetele qui: linapowder@gmail.com

 

Shares